Drone di piccole dimensioni in volo che si sta per appoggiare su una mano aperta. Scritta di copertina “Normativa Sui Droni: Come Essere in Regola in Pochi Passi” bianca su sfondo nero semi-trasparente.

Normativa Sui Droni: Come Essere in Regola in Pochi Passi

Nonostante la normativa sui droni possa sembrare complicata, in realtà basta veramente poco per essere in regola. E’ possibile sbrigare tutto online in poche ore. E in alcuni casi, a seconda del drone, non c’è nemmeno bisogno del patentino. Vediamo quali piccoli, semplici passi dovete compiere per poter volare.

Una Rassicurazione Per Chi Comincia

Chi si avvicina al mondo dei droni FPV vuole semplicemente volare. Lo sappiamo, e altrettanto bene sappiamo quanto possa essere difficile capire cosa fare a livello di burocrazia.

Tenteremo quindi di spiegare la normativa in maniera molto semplice, concentrandoci sui consigli pratici.

A tal proposito, tenete a mente che per iniziare a volare in FPV:

  • E’ possibile adempiere a tutti gli obblighi online

  • A seconda del tipo di drone e relativo utilizzo, il tutto vi costerà poche decine di euro

  • A seconda del tipo di drone e relativo utilizzo, ci vorranno poche ore, se non minuti, per sbrigare il tutto

 

Poche ore di formazione, pochi euro spesi e comodamente online. Ecco quindi cosa dovete fare per essere in regola.

Normativa sui Droni

La normativa che regola il volo dei droni è stata stilata dall’EASA. Entrerà in vigore per tutti i paesi membri dell’Unione Europea a partire dal 1° Gennaio 2024. Fino alla sua entrata in vigore, ci troveremo in periodo transitorio.

Il fatto che la normativa sia comune a tutti i paesi membri è di fondamentale importanza. Infatti, come vedremo, potrete sostenere le prove per ottenere i patentini a costo zero sui siti delle autorità competenti degli altri Stati.

La normativa prevede una suddivisione in 3 categorie: open, specific e certified.

Ciò che interessa a chi vuole iniziare a volare in FPV è la categoria open. Questa categoria prevede limiti specifici per quanto riguarda l’utilizzo dei droni. Ossia:

  • Peso massimo del drone: 25 kg

  • Altezza di volo massima: 120 metri sopra il livello del suolo

  • Volo a vista (VLOS – Visual line of sight)

 

Categoria Open che viene suddivisa in 3 sottocategorie, a seconda che si voli lontano, vicino o sopra le persone.

A ciascuna di queste tre sottocategorie è assegnato un patentino: A1, A2 e A3.

All’interno di queste sottocategorie si possono utilizzare droni con marchio CE delle classi: C0, C1, C2, C3, C4. Classi che fanno riferimento per lo più a criteri di peso.

Categoria Open

Classe dei droni

Patentino

  • C0 = Droni, anche autocostruiti, fino a 249 gr.

  • C1 = Droni dai 250 ai 900 grammi

  • C2 = Droni fino a 4kg

  • C3 e C4 = Droni fino a 25kg

  • A1 = volo sopra le persone

  • A2 = volo nei pressi di persone

  • A3 = volo lontano dalle persone

 

Normativa sui Droni: 3 Obblighi

Sono tre gli obblighi di legge a cui prestare attenzione in materia di volo con un drone. Possono sembrare tanti per l’appassionato che si avvicina al volo FPV, ma sono tutti di facile adempimento.

  • Patentino di guida

  • Assicurazione RC

  • Registrazione sul portal d-flight

 

Vediamo come si può facilmente e velocemente adempiere a ciascuno di questi.

Patentino A1, A2, A3

Innanzitutto tutto, il patentino è obbligatorio? Lo è solo per droni di peso ≥ 250 grammi. Se il drone (anche in caso di autocostruzione) ha un peso minore o uguale a 249 non devi fare niente.

La tipologia specifica di patentino (A1, A2, A3) dipenderà dall’uso che farete dello UAS. Ciascun patentino vi dà la possibilità di volar in zone diverse (ad esempio in città o meno), ma mai sopra assembramenti di persone.

3 modi per prendere il patentino A1/A3

Il patentino di categoria Open A1/A3 è facilmente ottenibile in 3 modi:

  1. Tramite il sito dell’ENAC, con un corso totalmente online al costo di 31€. Al termine del corso il candidato dovrà affrontare una prova di completamento.

La prova consisterà in 40 domande a cui rispondere nell’arco di 60 minuti. Si hanno a disposizione 4 tentativi per superarla. In caso di superamento sarà possibile scaricare il proprio certificato, che avrà una validità di 5 anni.

  1. Tramite i siti delle autorità competenti dei paesi membri dell’UE. In tanti prendono il patentino sfruttando il corso online totalmente gratuito offerto dalla Direzione dell’Aviazione Civile del Lussemburgo. Il corso è offerto in 4 lingue (inglese, francese, tedesco e lussemburghese.

Il certificato rilasciato è perfettamente equivalente a quello fornito dall’ENAC. Il vantaggio non è solo quello di poter risparmiare i 31€. Il corso lussemburghese (della durata di 2 ore) è infatti famoso per la chiarezza con cui i concetti sono spiegati.

Se il vostro drone pesa più di 249 grammi, questo modo in poco più di 120 minuti e in maniera totalmente gratuita sarete in regola. Facendo tutto online.

  1. Una terza e ultima modalità per ottenere è il patentino è rivolgersi a una scuola di volo specializzata. In tal caso i costi e i tempi variano a seconda del posto a cui ci si rivolge.

 

Patentino A2

Il patentino di categoria Open A2 è conseguibile solo per chi è già in possesso della certificazione A1/A3. In questo caso, l’ENAC non dà la possibilità di effettuare la prova d’esame online. Ci si dovrà recare una delle sedi riconosciute dell’ENAC stessa.

Solamente nel caso in cui abbiate conseguito il patentino A1/A3 all’estero, dovrete prima richiedere la convalidazione del patentino. Ciò è facilmente – e gratuitamente – fattibile attraverso il sito dell’ENAC. Ma questo solamente nel caso in cui vogliate conseguire anche il patentino Open A2.

 

Categoria Open - Patentini

Droni dal peso maggiore o uguale 250 grammi

Droni fino a 249 grammi

Patentino A1/A3

Patentino A2

 

 

 

 

 

 

 

Nessun obbligo di patentino

Sul sito ENAC:

  • In Italiano

  • Costo 31€

  • Totalmente online

 

Corso online con prova dal vivo presso le sedi accreditate ENAC:

 

  • Costo 31€

  • Essere già in possesso del patentino A1/A3 da almeno 15 giorni

Sul sito dell’autorità del Lussemburgo:

  • In inglese, francese o tedesco

  • Gratis

  • Totalmente online

Attraverso scuole di volo

Attraverso scuole di volo

 

Assicurazione RC

È sempre obbligatoria, indipendentemente dal peso del drone utilizzato.

I costi ovviamente varieranno a seconda della polizza assicurativa scelta. Ma, come per il patentino, è possibile sbrigare totalmente online e a costi contenuti anche questo passaggio. Sono infatti tanti i siti che permettono, velocemente e con meno di 20€, di essere dotati di un’adeguata assicurazione RC.

E’ una pratica facilmente risolvibile in pochi minuti.

Accreditamento su d-flight.it

D-flight è il portale gestito dell’Ente Nazionale per l’Assistenza al Volo (ENAV) per facilitare l’applicazione della normativa sul volo coi droni.

La registrazione sul sito è obbligatoria in caso di droni FPV, in quanto muniti di videocamera. Ma è anche fondamentale per controllare quali zone del territorio sono soggette a divieti di volo.

Anche in questo caso è l’intera pratica la si può sbrigare online.

Chi deve registrarsi e quanto costa

L’accreditamento sul portale d-flight è obbligatorio, anche in caso di droni FPV il cui peso è minore di 250 grammi.

Non si parla di obbligo di registrazione nel caso in cui il drone sia sprovvisto di videocamera. Ma in questo caso non deve trattarsi di drone ad alta velocità (ossia che possa trasferire un’energia cinetica di 80 joule in caso di impatto). In caso contrario, anche se sprovvisto di videocamera, è obbligatoria la registrazione.

I costi di accreditamento sono diversi a seconda che si utilizzi il drone per attività hobbistica o per attività professionale.

Bisogna infatti distinguere due procedure da assolvere su d-flight.

  • Attivazione abbonamento annuale come operatori UAS: 6€ l’anno per attività hobbistica, 24€ all’anno per i professionisti

  • Attivazione QR-code: è una procedura da effettuare una tantum per la registrazione del vostro drone. Una volta registrati vi verrà fornito un codice QR per il vostro UAS. I costi sono di 6€ per drone utilizzato per attività hobbistica, 96€ per droni usati a livello professionale

Non Ho Capito Cosa Devo Fare

Se vi sentite spaesati da tutto quanto, ecco una facile tabella per capire cosa dovete fare.

Che tipo di drone hai?

Con videocamera

Senza Videocamera*

Drone ≥ 250 grammi

  • Patentino

  • Assicurazione RC

  • Registrazione su dflight

  • Patentino

  • Assicurazione RC

  • Registrazione su dflight

Drone ≤ 249 grammi

  • Assicurazione RC

  • Registrazione su dflight

  • Assicurazione RC

*Anche in assenza di videocamera, qualora si trattasse di un drone ad alta velocità, è richiesta la registrazione presso il portale dflight.

 

Ma posso Volare in FPV da Solo?

No. Ricorda che la categoria Open richiede il requisito del volo a vista. Quando indossi i goggles, non sei nelle condizioni di soddisfare da solo questo requisito. Ciò rende obbligatoria la presenza di uno spotter, ossia una persona che ti sta a fianco a tiene sotto controllo a occhio nudo il drone.

Ma posso Volare Sopra Assembramenti?

No, mai e in nessun caso. Nessun patentino ottenibile all’interno della categoria Open ti autorizza a volare sopra assembramenti.

Ma Quanto Lontano Posso Volare?

Nella categoria Open, puoi volare finché riesci a vedere il tuo drone, e fino a 120 metri di altezza dal livello del terreno. Questa possibilità è comunque sempre subordinata alla presenza di avvisi particolari circa le limitazioni di volo, controllabili sul sito dflight.

Conclusioni

Le legge e il regolamento in materia di volo con un drone sono soggetti a cambiamenti ed emendamenti. Tenete quindi sempre sotto controllo i siti delle autorità competenti in materia:

Torna al blog
1 su 2